Alcuni antidepressivi possono peggiorare l’acufene

Alcuni antidepressivi possono peggiorare l’acufene

2496 1396 Sabrina Savioli
The following two tabs change content below.

Sabrina Savioli

Audioprotesista laureata all'Università degli studi di Roma "La Sapienza"

C’è chi avverte un ronzio, un fischio, un fruscio e molto altro: non è facile convivere i rumori “fantasma”, i cosiddetti acufeni, ma a peggiorare la situazione a volte possono essere anche dei farmaci, che magari il medico ha prescritto proprio per placare l’ansia.

Uno studio condotto presso la Oregon Health & Science University e pubblicato sulla rivista Cell Reports, dimostra come alcuni antidepressivi possano peggiorare la sintomatologia dell’acufene; in particolare parliamo di antidepressivi SSRI, i cosiddetti “inibitori della ricaptazione della serotonina”, che servono ad aumentare i livelli dell’ormone del buonumore nel cervello.
In passato diversi articoli scientifici avevano già riportato un peggioramento degli acufeni in alcuni pazienti in cura con questi farmaci, senza però svelare il meccanismo che si cela dietro a questo effetto.

Lo studio

Attraverso esperimenti in provetta su cellule di topo, gli scienziati hanno scoperto che la serotonina stimola in maniera abnorme alcuni neuroni fusiformi che si trovano nella regione del cervello (il nucleo cocleare dorsale) dove ha origine la sensazione dell’acufene. I risultati dei test dimostrano che questi neuroni diventano ipersensibili agli stimoli e «la loro attività schizza letteralmente alle stelle», come spiega l’otorinolaringoiatra Laurence Trussell che ha coordinato lo studio.

Cosa potrebbe cambiare

Se questi risultati verranno confermati da ulteriori studi, potrebbero dunque cambiare le indicazioni per l’utilizzo degli antidepressivi SSRI, con una esplicita avvertenza in caso di acufeni. «Se sei un medico che cura per depressione un paziente che soffre anche di acufeni – commenta Trussell – dovresti fare attenzione quando prescrivi un farmaco che serve a placare l’ansia: gli antidepressivi SSRI potrebbero peggiorare proprio il problema che stai cercando di risolvere».

 

 

Fonte: http://www.cell.com/cell-reports/abstract/S2211-1247(17)31098-7

Citato in: www.sanihelp.it – www.ok-salute.it

Sabrina Savioli

Audioprotesista laureata all'Università degli studi di Roma "La Sapienza"

Autore: Sabrina Savioli

Lascia una risposta

The following two tabs change content below.

Sabrina Savioli

Audioprotesista laureata all'Università degli studi di Roma "La Sapienza"

Contatti

Inserisci i tuoi dati nel form, risponderemo al piu presto